Autorizzazione Paesaggistica

Autorizzazione Paesaggistica

Ufficio: Edilizia Privata
Referente: Rita Fusi
Responsabile: Rita Fusi
Indirizzo: Piazza Corsini, 3 - 50036 Vaglia FI
Tel: 0555002429
Fax: 055407545
E-mail: r.fusi@comune.vaglia.firenze.it
Orario di apertura: Martedi 08.30 - 13.30 _15.00-18.00 - Giovedi 08.30 - 13.30 _15.00-17.00

Descrizione

Il territorio del Comune di Vaglia è in larga parte interessato dal vincolo paesaggistico, istituito con appositi decreti ministeriali all’art. 136 del D.Lgs. 42/2004 o tutelato ai sensi dell'Art. 142 del D.Lgs. 42/2004. I proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili ed aree di interesse paesaggistico non possono distruggerli, né introdurvi modificazioni che rechino pregiudizio ai valori paesaggistici oggetto di protezione. Tali soggetti hanno quindi l’obbligo di presentare alle amministrazioni competenti il progetto degli interventi che intendano intraprendere, corredato dalla prescritta documentazione, ed astenersi dall’avviare i lavori fino a quando non ne abbiano ottenuta l’autorizzazione ai sensi dell'Art. 146 del Codice D.Lgs. 42/2004.

Modalità di richiesta

Prima di presentare la domanda e per accertare che i lavori possano essere eseguiti, il tecnico incaricato dalla proprietà deve prendere visione delle norme urbanistiche, dei provvedimenti di vincolo e delle relative disposizioni del PIT (Piano di indirizzo territoriale con valenza di piano paesaggistico) allo scopo di verificare la compatibilità dell’intervento progettato con la disciplina paesaggistica in vigore.

La domanda deve essere recapitata all'ufficio protocollo a mano o mezzo posta, ovvero trasmessa per PEC (L'istanza semplificata deve essere sempre trasmessa per pec ai sensi del DPR 31/2017).

La domanda per l’autorizzazione paesaggistica deve essere formulata sui moduli disponibili nella sezione "modulistica" del sito. Alla domanda dovrà essere allegata la documentazione specificata nei moduli di richiesta. Il progetto edilizio dovrà essere redatto da un professionista regolarmente iscritto all'Albo Professionale.

Prima di essere presentata al Protocollo, la pratica può essere sottoposta ad un controllo preliminare presso il SUE nell'orario di apertura.

Requisiti del richiedente

La domanda può essere fatta solo dai proprietari dell'immobile o da chi ne ha valido titolo in forza di legge. I proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili ed aree di interesse paesaggistico, tutelati dalla legge, ai termini dell’art. 142, degli articoli 136, 143, comma 1, lett. d) e 157 del D. Lgs.vo 42/2004, non possono distruggerli, né introdurvi modificazioni che rechino pregiudizio ai valori paesaggistici oggetto di protezione. Tali soggetti hanno quindi l’obbligo di presentare alle amministrazioni competenti il progetto degli interventi che intendano intraprendere, corredato dalla prescritta documentazione, ed astenersi dall’avviare i lavori fino a quando non ne abbiano ottenuta l’autorizzazione.

Documentazione da presentare

Con D.P.R. 13 febbraio 2017, n. 31 sono stati individuati gli interventi esclusi dall'autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata.
(Pubblicato in GU n.68 del 22-3-2017) Vigente al: 6-4-2017

E' disponibile a lato la modulistica comunale adeguata alla normativa ed utilizzabile anche per il procedimento ordinario.Nel caso di procedura semplificata la presentazione dell'istanza deve avvenire per via telematica al fine di consentire all'autorità procedente la trasmissione alla Soprintendenza (art. 11, comma 5 del DPR 31/2017).  L'istanza deve essere corredata dall’attestazione dell’avvenuto pagamento dei diritti tecnici di istruttoria, oltre alla restante documentazione indicata nello stesso modello di richiesta, tra cui la relazione paesaggistica redatta conformemente al DPCM 12/12/2005 preordinata alla verifica della compatibilità fra interesse paesaggistico tutelato ed intervento progettato. L'istanza deve essere presentata in bollo, nel caso di procedura SUAP il bollo è assolto con la domanda unica.

Iter procedura

La richiesta ed il successivo rilascio dell'autorizzazione paesaggistica possono avvenire: - secondo il Procedimento Ordinario normato dall'art. 146 del DLgs 42/2004 (vedere procedura schematizzata nella sezione allegati) - secondo il Procedimento Semplificato normato dall'art. 11 del DPR 31/2017 (per interventi di lieve entità) (vedere procedura schematizzata nella sezione allegati

Costi

Versamento diritti tecnici istruttori di cui all'allegato A dlla DGM 97/2016 disponibile a fianco

Tempi

Verificare nella sezione allegati l'iter procedimento ordinario o l'iter procedimento semplificato

Informazioni

L'autorizzazione paesaggistica rilasciata è efficace per un periodo di cinque anni, scaduto il quale l'esecuzione dei lavori deve essere sottoposta a nuova autorizzazione (art. 146, c. 4 così come modificato dal DL 70/2011). Qualora i lavori siano iniziati nel corso del quinquennio di efficacia dell'autorizzazione, possono essere conclusi entro e non oltre l'anno successivo la scadenza del quinquennio medesimo (art. 146, c. 4 così come modificato dalla Legge 12/2013). Il termine di efficacia dell'autorizzazione decorre dal giorno in cui acquista efficacia il titolo edilizio eventualmente necessario per la realizzazione dell'intervento, a meno che il ritardo in ordine al rilascio ed alla conseguente efficacia di quest'ultimo non sia dipeso da circostanze imputabili all'interessato (art. 146, c. 4 così come modificato dalla Legge 106/2014).

Avvertenze

In relazione all'abbattimento delle alberature si rimanda alla scheda collegata di pari oggetto.

In relazione alla presentazione di accertamento di compatibilità paesaggistica si rimanda alla scheda collegata di pari oggetto.

Nel caso in cui l'intervento sia realizzazzibile mediante presentazione di Permesso di Costruire  l'importo da corrispondere per i diritti di segreteria è unicamente quello riferito al Permesso di Costruire. Le copie degli elaborati necessarie alla presentazione del Permesso di Costruire sono nr. 3. Il modello di richiesta autorizzazione paesaggistica deve essere compilato in bollo ed allegato all'istanza di permesso di costruire

 

Normativa di riferimento

D. Lgs. 42/2004 - Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio;
DPCM del 12/12/2005 – Documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica;
DPR 31/2017 - Autorizzazione Paesaggistica Semplificata;
L.R.T. 65/2014 - Norme per il Governo del Territorio;
PIT/PPR - Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico Regionale;
Circolare del Segretario Generale del Ministero per i Beni e le Attività culturali n.33 del 26/06/2009;

 

FEEDBACK

 

Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

 

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *